DettaglioNews

Trasporto alternativo e mobilità dolce

Incontro tra Comune, Provincia e Mobility Manager di aziende e scuole cittadine per definire Piani innovativi

11 maggio 2020
Mobilità sostenibile

La valutazione della mobilità di lavoratori e studenti livornesi e un piano di trasporto alternativo casa-lavoro e casa-scuola è stato l'argomento al centro dell'incontro promosso dal Comune di Livorno e dalla Provincia con i Mobility manager della città, che si è tenuto questa mattina in collegamento on-line.

Obiettivo dell'incontro è di attivare una rete tra Comune, Provincia e Mobility manager, ripensare al trasporto in città, diffondere un questionario covid, legato al periodo di emergenza, con risposte in tempi brevissimi per capire esigenze e criticità.

Le grandi aziende e le scuole hanno al loro interno (come da decreto interministeriale “Mobilità sostenibile nelle aree urbane” del 27 marzo 1998) un responsabile della mobilità che si occupa di ottimizzare gli spostamenti dei dipendenti e degli alunni.

All'incontro erano presenti oltre a Comune e Provincia i Mobility manager di aziende e scuole cittadine (Asa, Teatro Goldoni, Accademia Navale , liceo Cecioni, scuole Bartolena, Simurg). Tutti i soggetti si sono dimostrati collaborativi ed hanno dato la propria disponibilità ad una collaborazione fattiva e celere.

“E' necessario affrontare l'argomento mobilità perchè con l'emergenza coronavirus la situazione è cambiata” afferma l'assessora all'ambiente e mobilità Giovanna Cepparello, che ha coordinato l'incontro “I piani di spostamento casa-lavoro e casa-scuola devono essere ripensati, in relazione al fatto che il trasporto pubblico non potrà garantire per molto tempo la capienza consueta ed è impensabile sostituirlo con la vettura. E' necessario favorire soluzioni di trasporto alternativo a ridotto impatto ambientale usando biciclette e mobilità dolce, anche alla luce di incentivi ministeriali per l'acquisto di questi mezzi, come affermato dalla Ministra De Micheli in questi giorni. Abbiamo pensato di effettuare, in tempi brevissimi, un sondaggio in forma di questionario da diffondere nelle aziende e nelle scuole per sondare gli spostamenti e capire le esigenze. In Comune – prosegue l'assessora Cepparello – abbiamo attivato un tavolo di lavoro per gestire l'emergenza mobilità, in linea con le direttive dell'Anci anche per la realizzazione di percorsi ciclabili di emergenza , delimitati con strisce da cantiere in giallo e di bike-line. “

La Provincia, come dichiara la Presidente Marida Bessi, mette a disposizione le competenze tecniche dell’Ufficio territoriale della mobilità, con il suo Mobility Manager di Area e l'Osservatorio provinciale della mobilità, che stanno lavorando alla realizzazione del PUMS provinciale.

“Un lavoro che la Provincia aveva iniziato da tempo – spiega Irene Nicotra, responsabile del Servizio Sviluppo strategico e Tpl – con il coordinamento di numerose iniziative e progetti sulla mobilità messi in campo in tempi antecedenti all’emergenza, i cui risultati adesso risultano preziosi, come la diffusione delle bici a pedalata assistita, la promozione del car pooling aziendale, la formazione dei Mobility manager aziendali e scolastici e la realizzazione di una rete efficace di comunicazione tra loro e l’Osservatorio provinciale per calibrare la domanda con l’offerta di servizi, sempre in modalità sostenibile”.

Il prossimo appuntamento tra 15 giorni per fare il punto della situazione ed attivare azioni mirate da realizzare in tempi molto brevi.

SM (in collaborazone con Ufficio stampa Comune Livorno)

 

 

Primo PianoTrasportiMobilita