DettaglioNews

La Provincia istituisce la Stazione Unica Appaltante a servizio dei piccoli comuni

02 ottobre 2019
gare appalto

Il Consiglio Provinciale ha approvato l’ istituzione della Stazione Unica Appaltante (SUA), con la quale offrirà ai Comuni del territorio, escluso Livorno in quanto capoluogo, il servizio relativo all’espletamento e alla gestione di gare per l’affidamento di lavori per importo superiore ai 150.000 euro e per la fornitura di servizi per importi superiori a 40.000 euro.

Nella prima fase di avvio il servizio sarà rivolto ai Comuni con popolazione fino a 5000 abitanti e successivamente la facoltà di aderire sarà estesa anche agli altri comuni.

La SUA curerà la gestione dell’intera procedura di gara, dalla indizione alla aggiudicazione provvisoria, mentre resteranno di esclusiva competenza dell’ente delegante le fasi che precedono e seguono l’indizione della gara (programmazione, approvazione progetti, capitolati, piani di sicurezza, aggiudicazione definitiva, stipula contratto, consegna lavori, direzione lavori, liquidazione, collaudo).

“Con l’istituzione della SUA – sottolinea la presidente della Provincia, Marida Bessi – trova applicazione uno degli obiettivi principali del mio programma di mandato che riguarda proprio la fornitura di servizi da parte della Provincia ai Comuni del territorio, in particolare quelli più piccoli, che hanno strutture tecnico-amministrative ridotte e faticano a gestire le gare per appalti importanti. La SUA è un servizio che si affianca a quello già avviato con il Servizio Associato Politiche Europee (SAPE), attraverso il quale la Provincia aiuta i Comuni nel reperimento di risorse nell’ambito della progettazione europea. La gestione associata delle politiche comunitarie, infatti, consente maggiori opportunità di accesso ai fondi europei a tutte le amministrazioni locali, sviluppando anche la capacità di fare sistema del nostro territorio”.

Tra le principali attività fornite dal servizio di SUA figurano la predisposizione del bando di gara e la verifica degli atti di gara predisposti dal Comune delegante; la pubblicazione del bando; la nomina della commissione giudicatrice o la costituzione di seggio di gara; gli adempimenti relativi a tutte le fasi di gara (obblighi di pubblicità e verifica del possesso dei requisiti); la proposta di aggiudicazione; la collaborazione con il RUP dell’ente delegante ai fini della verifica dell’anomalia delle offerte; i controlli di legge sull’aggiudicatario, funzionali all’aggiudicazione definitiva; la predisposizione della bozza di aggiudicazione definitiva; gli adempimenti inerenti l'Osservatorio dei contratti, la trasparenza e l'anticorruzione.

I Comuni che hanno facoltà di aderire alla prima fase di attività della SUA sono Campo nell’Elba, Capoliveri, Porto Azzurro, Rio, Bibbona, Suvereto, Marciana, Marciana M.na, Sassetta e Capraia Isola.

La delibera approvata dal Consiglio comprende anche il Regolamento di funzionamento della SUA e lo schema di adesione dei comuni.

 

(Silvia Motroni)

 

 

La Provincia che cambiaPrimo PianoIstituzioneConsiglio