DettaglioNews

La Provincia coprirà le spese per il supporto infermieristico di Azzurra fino al 31 dicembre

La ragaza frequenta il Liceo Enriques

27 settembre 2021
Liceo Enriques

Liceo Enriques

Azzurra potrà tornare a scuola grazie al supporto della Provincia che erogherà un finanziamento straordinario al Liceo Enriques, in modo da coprire le spese per la necessaria assistenza infermieristica quotidiana fino al 31 dicembre.

Il preside Benucci, informato dall’Asl dell’impossibilità di proseguire il servizio per mancanza di fondi, come chiarito anche sulla stampa, aveva contattato la responsabile del Servizio Reti scolastiche della Provincia, Anna Roselli, per sapere se era possibile fare qualcosa, almeno temporaneamente, per superare il problema e consentire alla ragazza di tornare in classe con i compagni.

Verificata la possibilità di erogare risorse aggiuntive alla scuola, per una cifra intorno ai 6.000 euro, la Provincia, in accordo con Asl e Istituto scolastico, ha immediatamente provveduto a formalizzare gli atti necessari per avviare il servizio quanto prima.

Il finanziamento coprirà le spese dell’intervento, che rimane sotto lo stretto controllo dell’Asl, fino al 31 dicembre, che prevede 3 ore di presenza infermieristica quotidiana per 6 giorni alla settimana, per un totale di 12 settimane.

“L’Amministrazione Provinciale - chiarisce la presidente Marida Bessi – provvede, su funzione delegata da Regione e Governo, alla erogazione agli istituti scolastici superiori dei fondi per l’assistenza all’autonomia e al trasporto studenti disabili, ma non per gli interventi di assistenza specialistica, come quelli richiesti nel caso di Azzurra, che prevedono la presenza di personale infermieristico specializzato. In questo caso la Provincia è intervenuta, con spirito di collaborazione, per tamponare una situazione di profondo disagio che si era creata.
L’auspicio è che l’Asl e la Regione possano operare, nel frattempo, per garantire la prosecuzione del progetto sperimentale o organizzare altre forme di intervento, che rimangono di esclusiva competenza delle strutture di assistenza sanitaria”.

 

Silvia Motroni



 

 

Primo PianoIstruzioneIstituzione