DettaglioNews

La meraviglia dell’arte del cuoio al Museo di Storia Naturale

11 gennaio 2018
Madonna dei Cordai, attribuita a Donatello. Lo sfondo è costituito da tessere di cuoio

Madonna dei Cordai, attribuita a Donatello. Lo sfondo è costituito da tessere di cuoio

Venerdì 12 gennaio, alle ore 17, al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo è in programma una conferenza dal titolo “Arte della pelle e del cuoio”. L’iniziativa è organizzata dall’associazione Amici del Museo con la collaborazione della dr.ssa Valeria Torregrossa.

Interverrà Lorenzo Carletti che ripercorrerà la storia dell'utilizzo del cuoio, un materiale che ha accompagnato lo sviluppo dell’uomo sin dai suoi esordi. Uomini e donne hanno usato spoglie animali per proteggere il proprio corpo, delimitare lo spazio in cui vivevano e dotarlo delle più varie suppellettili, ma tuttora, poco si conosce del lavoro che sta dietro alla realizzazione di oggetti di uso comune, come scarpe e borsette, frutto di una sapienza stratificata, che va dall’allevamento del bestiame, alla concia, il taglio e la cucitura dei pellami, fino alla messa in commercio del prodotto finito.

Nel corso della conferenza saranno illustrati alcuni dei più alti prodotti della pelletteria occidentale, dall’Antichità alla Rivoluzione industriale: dai Sandali di Tutankhamon alla Custodia per la corona dell'impero, dal Cofanetto della Cattedrale di Lucca, in qualche modo la “Cappella Sistina” delle arti del cuoio, fino alla Madonna dei Cordai di Donatello, per finire con l'Elefante da gioco per Luigi XV.

 

s.m.

Primo PianoCultura