DettaglioNews

Approvate le modifiche allo Statuto dell’Agenzia Energetica Provinciale

A luglio le funzioni saranno trasferite alla Regione

27 maggio 2016

Il Consiglio Provinciale ha approvato alcune modifiche allo Statuto societario dell’Ealp (Agenzia Energetica Provinciale), di cui la Provincia è attualmente socio di maggioranza, finalizzate ad allinearne i contenuti alla nuova fase che si aprirà, a partire dal 1° luglio 2016, quando le funzioni di controllo sugli impianti termici per la climatizzazione, svolte appunto da Ealp, saranno trasferite alla Regione Toscana, che subentrerà nelle quote di partecipazione delle  Agenzie Energetiche delle Province.

Dal punto di vista amministrativo si tratta di un atto dovuto, privo di contenuto discrezionale,  propedeutico al completamento del piano di riordino innescato dalla legge Delrio e dalle norme regionali in materia di riassetto degli enti provinciali.

Infatti, oltre ai requisiti previsti dalle norme regionali (LR 22/2015 e modifiche),  le società in questione devono adeguare i loro statuti a quanto stabilito  dalla Giunta Regionale in una delibera del marzo scorso (n. 190/2016) che mira a garantire, da un lato, una  maggiore omogeneità tra gli statuti delle Agenzie Provinciali,  dall’altro la linearità con le disposizioni del codice civile. Le principali novità introdotte riguardano, in particolare: il rispetto dei requisiti in materia di società “in house providing”, la cui attività deve prevedere la produzione di servizi strumentali alle amministrazioni pubbliche socie; la specificazione che  la qualità di socio può essere assunta esclusivamente da enti pubblici territoriali dell’ambito toscano; la definizione degli organi della società che vede l’aggiunta, oltre all’Assemblea, di un Organo Amministrativo e un Organo di controllo, con il divieto di istituire organi diversi da quelli previsti dalle norme.

La delibera consiliare è stata approvata con i voti della maggioranza  Pd, i voti contrari del gruppo di Assemblea Democratica e l’astensione del gruppo di  Forza Italia.

 

La Provincia che cambiaPrimo PianoIstituzioneConsiglio