DettaglioNews

6 febbraio giornata internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili

05 febbraio 2019

Documento del Tavolo MGF


La consigliera di Parità della Provincia di Livorno e il CESDI in collaborazione con altre istituzioni e realtà associative, stanno operando per promuovere un confronto per individuare strumenti di sensibilizzazione e sostenere coloro che conducono battaglie per liberare tutte le donne che nei loro paesi di origine e anche in Italia vengono sottoposte a MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI.

Le MGF, praticate e consentite in molti paesi per ragioni religiose (molti credono che questa pratica sia prevista dal Corano), igieniche (in alcuni casi i genitali femminili sono considerati portatori di infezioni), sessuali (soggiogare e ridurre la sessualità femminile), sociologiche (iniziazione all’età adulta) e sanitarie (si pensa che la mutilazione favorisca la fertilità e la sopravvivenza del bambino) hanno come effetto la mutilazione irreversibile del corpo delle donne e l’alterazione violenta dell’identità psicofisica.

Per diventare anche noi agenti del cambiamento abbiamo costituito un TAVOLO MGF presso la Provincia di Livorno ai quali partecipano, oltre alla stessa Provincia: Prefettura di Livorno, Comune di Livorno, USL , CPO Regione Toscana, Ordine dei Medici, CeSDI, Associazione RANDI, Associazione Diecidicembre, Wilpf, soggetti che ritengono che l’abbandono alle mutilazioni genitali femminili richieda una presa di coscienza di tutte e di tutti.

Ogni cultura all’interno dello stesso paese ha una propria visione della pratica MGF, che nel tempo viene tramandata di generazione in generazione e talvolta modificata nel suo contenuto, sensibilizzazione significa comprendere prima le ragioni interne, sociologiche e culturali che portano a tale pratica così da poter de-costruire e re-costruire.

In occasione della giornata internazionale per la lotta alle MGF prevista il 6 febbraio, il tavolo MGF – insieme al gruppo di studio composto da donne di diversi paesi e culture altre- sta programmando una serie di eventi nella nostra città con lo scopo di tradurre nella pratica sul nostro territorio, tutte quelle azioni che consentano di contrastare una delle esperienze più dolorose e umilianti che condiziona profondamente la salute psicofisica di una donna per tutta la sua vita.

Crediamo che i modi migliori attraverso i quali riuscire a contrastare il fenomeno Mgf si divida sostanzialmente in tre aspetti:

-dialogo e confronto esperienziale con donne e uomini;

-informazione attraverso letture di libri che trattano queste tematiche;

-sensibilizzazione: cercare cioè attraverso le varie forme d'arte ( danza, letteratura, film etc…) di mettere in risalto a livello psicologico ed emotivo la negatività di questa pratica.

Presto verrà organizzato un incontro aperto a tutta la cittadinanza in cui si parlerà delle attività da programmare per l'anno 2019 al fine di sensibilizzare, far riflettere ed informare cittadini livornesi e migranti in relazione a tale pratica, proibita per legge in Europa, Nigeria, Egitto e Kurdistan Iraq , ma purtroppo ancora largamente diffusa.



TAVOLO MGF


Primo PianoPari Opportunita