Porti e Logistica

Adozione del Piano d’azione delle strade provinciali principali (con traffico superiore ai 3.000.000 di veicoli l’anno) ai sensi dell’art. 4 c. 3 del D. Lgs. 194/2005.

Nella Legge Regionale 5 agosto 2011, n. 39 “Modifiche alla legge regionale 1 dicembre 1998, n. 89 (Norme in materia di inquinamento acustico) e alla legge regionale 1 dicembre 1998, n. 88” sono state aggiunte, tra le funzioni riservate alla regione in tema di viabilità:

  • la predisposizione dei Piani di contenimento e abbattimento del rumore ai sensi del DM 29/11/2000;
  • l’elaborazione della mappatura acustica e dei piani di azione relativamente alle strade regionali individuate come assi stradali principali ai sensi del Dlgs 194/2005.

L’obiettivo generale dei piani di azione è quello di evitare, prevenire o ridurre gli effetti nocivi dell’esposizione al rumore ambientale. I piani di azione, partendo dai risultati della mappatura acustica, definiscono quali siano gli obiettivi di riduzione del rumore e le strategie di breve e lungo termine per il loro raggiungimento. I dati relativi alle strade oggetto del Piano sono stati ricavati dalla Provincia di Livorno - 2° Dipartimento “Infrastrutture e Protezione” - Carta delle Strade Provinciali (scala 1:100.000), ottobre 2009, Elaborazione Grafiche e Dati: U.O. Sistema Integrato Geografico Provinciale. Le lunghezze dei tratti oggetto del Piano, i flussi veicolari e tutti i descrittori acustici necessari per la redazione del Piano stesso sono stati desunti dalla Mappatura Acustica delle Strade Provinciali “asse stradale principale” (infrastruttura con più di 3.000.000 di veicoli/anno), trasmessa alla Regione Toscana con nota nota prot. n° 27622/2012 del 28/06/2012.

La SP 5 “della Valle Benedetta”, pur essendo inserita nella mappatura acustica delle strade provinciali, è stata consegnata al Comune di Livorno con verbale sottoscritto dalle parti in data 27/09/2012, e precisamente dal km 0+000 al km 2+530, ed all'interno di tale tratta fa riferimento la mappatura acustica su menzionata; per quanto sopra scritto è, quindi, di competenza del Comune di Livorno individuare le azioni necessarie al fine di conseguire una mitigazione del disturbo acustico. Il D.Lgs. 19 agosto 2005 n. 194, “Attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale”, all’art. 4 comma 3 sancisce l’obbligo per gli enti gestori di infrastrutture di elaborare il piano di azione degli assi stradali principali su con traffico compreso tra 3.000.000 e 6.000.000 di veicoli l’anno. Una prima stesura del piano d’azione delle strade provinciali principali della Provincia di Livorno (con traffico superiore ai 3.000.000 di veicoli l’anno) ai sensi dell’art. 4 c. 3 del D. Lgs. 194/2005, è stato inviato alla Regione Toscana, Settore Energia, Tutela della qualità dell’Aria e dell’inquinamento elettromagnetico e acustico (n. prot. 27110 del 17.07.2013). Dai risultati derivanti dalla mappatura acustica e dalle elaborazioni contenute nel Piano d’azione non sono necessari interventi obbligatori per legge, per il contenimento dell’inquinamento acustico, nei tratti stradali di competenza della Provincia di Livorno. Gli eventuali interventi suggeriti nel Piano d’Azione, allo scopo di limitare ulteriormente i valori del rumore derivante dai veicoli in transito, saranno inseriti nella prossima programmazione triennale e saranno realizzati solo in presenza delle risorse finanziarie necessarie.

In data 3 settembre 2013 la Giunta Provinciale, con Delibera n. 142 , ha adottato il Piano d’Azione delle strade provinciali principali della Provincia di Livorno (con traffico superiore ai 3.000.000 di veicoli l’anno) ai sensi dell’art. 4 c. 3 del D. Lgs. 194/2005.

Nel periodo di pubblicazione dal 3 settembre al 18 ottobre 2013 è possibile presentare osservazioni, pareri e memorie in forma scritta (per posta, fax e posta elettronica certificata), ai sensi dell’articolo 8 del d.lgs. 194/2005, presso la Provincia di Livorno agli indirizzi:

Invio cartaceo all'indirizzo: Provincia di Livorno, U. O. “Porti, Logistica ed Area Vasta”, via Galilei n. 40 – 57122 Livorno.
Invio tramita fax al numero: 0586444432 - U. O. “Porti, Logistica ed Area Vasta”

Invio tramita Posta Elettronica certificata all'indirizzo: provincia.livorno@postacert.toscana.it
Per informazioni e chiarimenti: Dott.ssa Irene Nicotra, tel. 0586257270
e-mail: i.nicotra@provincia.livorno.it 

 


 

Contributi

Contributo n. 1
Provenienza: Ing. Mostardi
Data: 20.12.2006
Oggetto: Ipotesi di una diversa sistemazione della rete ferroviaria
scarica file word

Contributo n. 2
Il 18 Luglio è stato approvato dal Comitato Portuale il P.O.T (Piano Operativo Triennale) 2007-2009 dell'autorità portuale di Livorno.
scarica il progetto di P.O.T. in formato .pdf, alla pagina:
progetto POT


Legge 28 gennaio 1994, n°84 - Riordino della legislazione in materia portuale

MASTERPLAN DELLA LOGISTICA

Il documento che l’Amministrazione Provinciale propone alla discussione e al confronto nasce dall’esigenza di articolare, in una visione unitaria e integrata del territorio, una proposta altrettanto unitaria ed integrata della piattaforma logistica costiera.

Il documento si propone di tratteggiare il valore ed il significato culturalmente nuovo della logistica integrata, un fenomeno che sta rivoluzionando il mondo della produzione industriale e dei mezzi di trasporto, e con questi l’intero sistema delle servitù necessarie, delle risorse complementari da sviluppare e delle soluzioni tecno-eco-socio-urbanistico-infrastrutturali da realizzare.



Indice - Presentazione - Prefazione - Linee Guida

1. Introduzione al Piano

2. Il contesto di programmazione europea e nazionale

3. La rete stradale

4. La rete ferroviaria

5. Il sistema portuale provinciale

6. L'Interporto Toscano A. Vespucci

7. Lo scenario competitivo dei prodotti deperibili: opportunità per l'area livornese

8. La logistica delle persone

9. Gli aeroporti della provincia di Livorno

10. Gli aeroporti per la Provincia

11. Impllicazioni economiche del Masterplan

12. Conclusioni

Quadro delle risorse

Masterplan documento completo

 


Progetto PIMEX

(Pattaforme logistiche integrate per lo sviluppo delle relazioni commerciali import-export nello spazio transfrontaliero) 

Il progetto PIMEX,finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma transfrontaliero Italia-Francia Marittimo 2007-2013, coinvolge le regioni dell’area di cooperazione transfrontaliera che ad oggi sviluppano essenzialmente relazioni di tipo turistico.

Il progetto, avviato nel 2009, ha lo scopo di   ottimizzare le prestazioni del sistema multimodale del trasporto delle merci attraverso lo sviluppo delle relazioni commerciali import-export nello spazio transfrontaliero. L’investimento complessivo, pari a 2 milioni e mezzo di euro, vede la partecipazione della Provincia con un impegno di  835.000 euro.

Vai al sito

 


Ultimo aggiornamento: 28-09-2016