Sportello VIS (Centro di ascolto)

 

Nel periodo compreso tra il 12 ed  il 23 agosto le attività dello sportello VIS  sono sospese.
E' possibile comunque inviare comunicazioni all'indirizzo sportellovis@provincia.livorno.it , sarete contattati alla riapertura dello Sportello.

 

 

 

Ogni anno in Europa 75 milioni di persone sono vittime di reato. L'Unione Europea si è molto impegnata su questo tema negli ultimi anni, perché la vittima non sia dimenticata e sia tutelato il suo diritto ad un trattamento equo. Se una persona si trova ad essere vittima di un reato, deve sapere che ha dei diritti e che sono garantiti dalle leggi. Per farli valere deve rivolgersi alle Autorità preposte, ma può anche avere un supporto in termini di accoglienza, informazione, orientamento presso lo Sportello Vis che funziona grazie alla sinergia dei membri della rete e ai contributi volontari offerti direttamente da alcuni di loro, appositamente formati.

Lo Sportello Vis ((Victim Supporting Project) rappresenta un presidio sul territorio per offrire sostegno gratuito a tutte le persone vittime di qualsiasi tipologia di reato, indipendentemente dalla loro età, genere, nazionalità, origine etnica, religione, condizione sociale ed economica.

La rete è formata da: Provincia di Livorno, Regione Toscana, Università di Pisa, Azienda Usl 6 di Livorno, Provincia di Livorno Sviluppo, Questura, Prefettura, Comando provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, Ufficio Scolastico provinciale, Comuni di Livorno, Piombino, Cecina e Castagneto, SVS - Pubblica Assistenza di Livorno, AUSER, AIDO, Fondazione Caritas, Arci Bassa Val di Cecina, Arcigay Livorno "Il Faro", Associazione Ippogrifo, Associazione Randi, Centro Servizi Donne immigrate, Osservatorio Italiano di Vittimologia, Ufficio di Esecuzione Penale Esterna del Ministero di Giustizia, Associazione P24 Lila di Livorno e Cure Palliative, e la Consigliera provinciale di Parità, che coordina lo Sportello Vis.


I servizi offerti dallo sportello sono: informazione, accoglienza, orientamento e percorsi specialistici.
Informazione
: gli operatori consegnano alle persone offese il depliant informativo con i riferimenti della Rete Vis Network, che consente di fruire di servizi di accoglienza, di assistenza o di attività di mediazione. Ricevendo il pieghevole la persona offesa può rivolgersi allo Sportello Vis per consulenza telefonica o appuntamento. A seguito di una richiesta, la Segreteria della Rete VIS informa l’operatore di turno che provvede, nell’arco di 24 ore, a contattare  il richiedente e fissare il primo colloquio di accoglienza. L’accoglienza comprende un primo ascolto, una risposta immediata  alle eventuali urgenze, la compilazione della domanda di aiuto, valutando la possibilità di proseguire con una delle attività di sostegno o  con i percorsi specialistici offerti dalla Rete, la fruizione consapevole delle opportunità della Rete.
L'orientamento offre la possibilità di effettuare un colloquio con un operatore, avere l'indicazione dei servizi e delle opportunità sul territorio in materia di protezione, lavoro, formazione, casa, accesso alle cure. Dopo i colloqui di accoglienza potranno essere attivati, anche parallelamente, uno o più percorsi, erogati direttamente presso lo sportello o presso le strutture della rete: informazione legale,  sostegno psicologico, trattamento integrato psicologico e psichiatrico, mediazione.

 

Sportello VIS Accoglienza/Ascolto
Provincia di Livorno Piazza del Municipio 4 - Livorno
Martedì e Giovedì ore 15.00-19.00
Per contatti: Tel. 0586.257229; E.mail sportellovis@provincia.livorno.it



Ultimo aggiornamento: 22-08-2019